Meteone

Nell'ultimo periodo ogni notizia, che riguarda l'ambiente e il clima, viene gestita con superficilità e toni apocalittici. I ghiacciai alpini non fanno eccezione. Cosa sta accadendo al Ghiacciao di Planpincieux sul Monte Bianco? 

LA NOTIZIA | Un costone del ghiacciaio di Planpincieux sul Monte Bianco rischia di crollare. 
 
IL SENSAZIONALISMO | I titoli di giornali hanno rilanciato la notizia, sull'onda delle proteste sul clima, come un disastro imminente e senza precedenti, con titolti del tipo "Il ghiacciaio del Monte Bianco, rischia di crollare", e alcune associazioni ambientaliste ne hanno approfittato per rilanciare le prossime catastrofi. 
 
GhiacciaioMonteBianco
MA ANDIAMO CON ORDINE: LA MORFOLOGIA DEL GHIACCIAO DEL MONTE BIANCO
Andando sul sito del IRPI (Istituto di Ricerca per la protezione Idrogeologica) facente parte del CNR (Centro Nazionale di Ricerca), viene riportata la morfologia di questo ghiacciaio:
Il Ghiacciao di Planpincieux è uno dei ghiacciai che caratterizzano il versante italiano del massiccio delle Grandes Jorasses. Si tratta di un ghiacciaio temperato il cui fronte glaciale si trova attualmente in prossimità di un gradino morfologico che ne determina una forte propensione al dissesto. Il particolare assetto morfologico del substrato genere le condizioni predisponenti per l'attivazione (quasi continua nel periodo estivo) di crolli di blocchi di ghiaccio dalla parte frontale. Questi fenomeni sono tipici di questo ghiacciaio, ma la sua particolare conformazione può dare origine, come già avvenuto in passato, a distacchi di proporzioni ben maggiori che possono collassare e raggiungere pericolosamente il fondovalle e l'abitato di Planpincieux. Trattandosi di un'area molto instabile questo ghiacciaio è stato a lungo considerato non monitorabile.
Abbiamo sottolineato in grassetto alcune parti per comprendere come il fenomeno è assolutamente normale in Estate, proprio perchè il ghiacciaio si trova a ridosso di un gradino morfologico. Questo comporta, per effetto della gravità, il crollo di questo "costone" del ghiacciaio. Inoltre, in alcuni casi, come già successo in passato, queste condizioni possono portare al distacco di masse molto più grandi e "minacciare" il fondovalle. 
 
Fonte: Studio e monitoraggio del Ghiacciaio di Planpincieux, massiccio del Monte Bianco (AO)
CROLLI NEL PASSATO
1952| Il crollo più imponente risale al 21 dicembre 1952 ed è stato descritto con precisione sulla Rivista del Cai da da Augusta Vittoria Cerutti, nota glaciologa e naturalista valdostana:
"Un'enorme valanga, simile nelle proporzioni a quelle che si staccano dagli immensi ghiacciai dell'Himalaya, si staccò dall'estrema cresta delle Grandes Jorasses e giunse fino al fondovalle: l'ampiezza delle sue fonti era complessivamente di circa due chilometri e il dislivello superato nella discesa di quasi tremila metri"
1993 | Nella notte del primo agosto del 1993 un nuovo crollo investì purtroppo un gruppo di alpinisti che stavano salendo dal rifugio Boccalatte verso la cima delle Grandes Jorasses, lungo la via normale. Otto alpinisti vennero travolti, tre veronesi, due francesi e tre tedeschi. La frana, di solo ghiaccio, si fermò dopo poche centinaia di metri, la stagione estiva aveva evitato che si formasse una valanga di neve polverosa, capace di creare guai ben maggiori.
 
1997 | All'inizio di gennaio 1997 la grande seraccata tornò a diventare pericolosa e tenne con il fiato sospeso per giorni l'intera valle. La seraccata si scaricò un paio di settimana più tardi, insaccandosi nella val Ferret - che era stata chiusa su ordine delle autorità - senza provocare danni.
 
2014 | A metà settembre 2014 un nuovo allarme. Scrisse sul proprio sito la Fondazione Montagna Sicura di Courmayeur: "Il monitoraggio in atto sul seracco delle Grandes Jorasses, gestito dalla Fondazione su incarico della Regione, ha evidenziato, negli ultimi giorni, un aumento della frequenza di distacchi di ghiaccio dalla parete frontale che potrebbero interessare la via normale alle Grandes Jorasses". Tra il 20 e il 29 settembre si staccarono prima 30mila, poi 50mila metri cubi di ghiaccio, che spazzarono la parete senza però proseguire verso il fondovalle.

Come potete vedere la serie di distacchi e allarmi è molto lunga e del tutto normale in un ghiacciaio morfologicamente instabile. Lo stesso sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, ha ribadito come: "Non c'è alcun ghiacciaio che può cadere su Courmayeur, non sta cadendo il Monte Bianco, non c'è alcun pericolo per la popolazione siamo di fronte a un fenomeno glaciologico definito" - 
IN BREVE LA STORIA DEI GHIACCIAI ALPINI DAL 1500 A OGGI
I ghiacciai alpini ancor più dei ghiacciai polari sono soggetti ai cambiamenti climatici e qui apro una parentesi
 
(Quando parliamo di "cambiamenti climatici" ormai erroneamente l'opinione pubblica pensa che sia similitudine di "cambiamenti climatici antropici" (cioè causati dall'uomo), ma i cambiamenti climatici sono anche quelli naturali, cioè facente parti di un normale ciclo della natura)
 
Ritornando a noi, stileremo quindi una breve storia dei ghiacciai alpini dal 1500 ad oggi, con le fasi di avanzamento e arretramento dovuti ai cicli climatici che si sono susseguiti sul nostro Continente, prendendo alcune parti essenziali di un articolo della glaciologa e naturalista valdostana "Augusta Vittoria Cerutti" pubblicato sul sito di "Fondazione Montagna Sicura" del "Dipartimento di difesa del suolo e risorse idriche" della Regione autonoma della Valle D'Aosta
 
tabella2
Tabella: raccoglie le misure di variazione di lunghezza degli apparati a cominciare dalla massima espansione storica, ottenuta elaborando la ricostruzione degli antichi apparati come già accennato . I dati delle colonne 3 e 5, sono stati elaborati sulle carte IGM 1882 e 1929 ; quelle delle colonne 8, 9 e 10 sugli aerofotogrammi 1975, 1999,2005; quelle delle colonne 6 e 7 sono tratti rispettivamente dal lavori dei prof. Capello e Vanni.
 
LE 4 MAGGIORI ESPANSIONI DEI GHIACCIAI ALPINI | Il periodo compreso fra il 1550 e il 1860 fu denominato dagli studiosi "Piccola Età Glaciale". Le testimonianze raccolte in Francia, in Svizzera, in Austria e in Italia ci consentono di datare, all'interno di questi tre secoli, quattro espansioni dei ghiacciai assolutamente eccezionali avvenute nel 1601, 1640, 1820 e 1860.
 
LA SECONDA GRANDE ESPANZIONE | La seconda grande espansione del secolo XIX culminò fra il 1855 e il 1860
 
PRIMO FORTE ARRETRAMENTO DEI GHIACCIAI | Dopo il 1860, si instaurò una fase climatica assai contraria al glacialismo che provocò una rapida contrazione degli apparati... In effetti, subito dopo il 1860, si istaura bruscamente quella fase di intenso riscaldamento climatico che chiude in modo definitivo i tre secoli freddi della Piccola Età Glaciale. I dati registrati alla stazione meteorologica del valico del Gran San Bernardo mettono in luce un improvviso innalzamento delle temperature di ben 0,5 C° che si accompagna, per almeno due decenni, a molto scarse precipitazioni nevose.
Di conseguenza il limite delle nevi persistenti si porta ad una quota assai più elevata di quella del periodo precedente e gli apparati glaciali entrano in crisi, una crisi profonda, segnata da una drastica contrazione lineare, areale e volumetrica che colpisce tanto i piccoli quanto i grandi ghiacciai delle Alpi Occidentali. Fra il 1862 e il 1882 il ghiacciaio del Lys (Monte Rosa) perde ben 950 metri di lunghezza21; la Brenva (Monte Bianco), fra il 1846 e il 1878, circa 1000 metri22, il Pré de Bar (Val Ferret) fra il 1856 e il 1882, 750 metri23 e nello stesso periodo il ghiacciaio di Lex Blanche (Val Veny), circa 800 m24
La Carta rilevata nel 1882 indica la quota frontale del Rochefort a 2482 m s.l.m.: in appena due decenni si è dunque verificata una contrazione altimetrica di ben 232 metri il che, grosso modo, corrisponde ad un accorciamento planimetrico superiore a 500 metri. Le fronti del ghiacciaio di Planpincieux e del Grandes Jorasses nel 1882 hanno altitudini vicine ai 2450 m; la riduzione lineare degli apparti è di poco inferiore ai 400 metri (cfr Tab I e II). Anche il lungo lobo occidentale del Planpincieux si è notevolmente accorciato: il suo limite frontale, nel 1882, risultava a quota 2184 m s.l.m.
In poco più di vent'anni, a seguito di questa durissima contrazione, l'area del Rochefort si riduce del 36%, quella di Planpincieux e Jorasses del 39% (cfr Tab III). Sull'insieme dei tre ghiacciai questi valori corrispondono alla sparizione media di ben 8 ettari di superficie glaciale ogni anno ed è più o meno la stessa media che in quel periodo si registra anche sui ghiacciai di Frebouge, Triolet e Pré de Bar, ridottisi di valori percentuali compresi fra il 31% e il 34%25 Molto più modesta risulta, invece, la contrazione dei ghiacciai della Val Veny, probabilmente perché le precipitazioni nevose su quest'ultima sono sempre assai più abbondanti rispetto alla Val Ferret.
 
LA MODERATA ESPANSIONE DAL 1883 AL 1897 | Dopo questo ventennio, disastroso per il glacialismo, fra il 1883 e il 1897 per una quindicina di anni il clima si fece alquanto più freddo e i ghiacciai del Monte Bianco ebbero una moderata fase di espansione che però fu ben lungi dal compensare le perdite subite precedentemente.
 
UNA NUOVA CONTRAZIONE TRA IL 1897 e il 1910 | I ghiacciai del Monte Bianco subirono un nuovo periodo di contrazione.
 
ACCENTUATA ESPANSIONE TRA IL 1911 E IL 1923 | Sul finire della prima decade del '900 si instaurò un clima favorevole al glacialismo che fra il 1911 e il 1921 diede luogo ad una rapida e assai notevole espansione glaciale: la maggiore del secolo XX. Questa riguadagnò non soltanto tutto il terreno che era stato deglacializzato durante la contrazione precedente, ma anche una certa parte di quello perduto fra il 1860 e il 1882.
Dall'esame dei dati raccolti nella stazione meteorologica del Valico del Gran San Bernardo (2470 m s.l.m.) risulta che la fase climatica fredda prese inizio nel 1905: la temperatura media annua scese da -1,3 °C del decennio precedente a -1,9 °C. Negli stessi anni le precipitazioni nevose aumentarono del 30% nei confronti del periodo precedente, raggiungendo un record mai eguagliato nella secolare storia di quel prestigioso osservatorio. Questi due fattori provocarono un forte abbassamento del limite climatico delle nevi persistenti e quindi una notevole estensione verso valle dei bacini di alimentazione ove poterono formarsi grandi quantità di ghiaccio. Dopo qualche anno, quando le nuove coltri glaciali cominciarono a fluire verso valle alimentando considerevolmente gli apparati, questi presero ad aumentare di potenza, di lunghezza e di estensione.
 
LA LUNGA CONTRAZIONE TRA IL 1924 E IL 1960 | Se prendiamo in considerazione globalmente l'area glacializzata dei tre maggiori apparati del gruppo Dente del Gigante-Jorasses, osserviamo che nei 18 anni intercorsi fra i rilevamenti 1929 e 1947 essa è diminuita di 48 ettari, vale a dire 2,6 ettari all'anno mentre fra il 1860 e il 1882 la riduzione annua era stata di ben 8 ettari.
Nei confronti del periodo 1860 - 1882 bisogna dunque riconoscere che la fase di ritiro 1923 - 47 ha fatto registrare un sostanziale rallentamento della contrazione.
La contrazione in atto dall' inizio degli anni '20 perdurò fino al 1960, interrotta esclusivamente da una breve fase incerta fra il 1941 e il 1943. Nella relazione 1957 possiamo leggere43: "I ghiacciai di Planpincieux e delle Grandes Jorasses hanno un margine frontale sottilissimo tanto che, con il progredire del regresso "in potenza" vi è da pensare che ben presto subiranno amputazioni di larghe superfici di ghiaccio. Il riverbero delle rocce di fondo si è fatto risentire in modo assai cospicuo nell'ultimo biennio; ne risultano larghe ondulazioni lungo tutto il margine frontale".
 
NUOVA ESPANSIONE DAL 1961 AL 1987 | Per i glaciologi fu un fatto assolutamente inaspettato. In realtà, a cominciare dal 1954, i dati dell'osservatorio meteorologico del valico del Gran San Bernardo mettono in luce una diminuzione delle temperatura media annua di due decimi di grado, accompagnata da un notevole aumento delle precipitazioni in genere (+ di 252 mm) e in particolare di quelle a carattere nevoso che passano dai 1040 cm annui del periodo precedente a ben 1530 mm. Di conseguenza il limite delle nevi persistenti si assestò ad altitudini inferiori a quelle del passato, ampliando i settori di accumulo nei quali andò formandosi una notevole quantità di ghiaccio alimentatore.
Secondo il citato Catasto Regionale dei Ghiacciai l'area glacializzata del gruppo Dente del Gigante - Jorasses nel 1975 supera di 28 ettari quella del 1947. Il confronto che, in mancanza di altri dati affidabili, abbiamo stabilito fra le aree 1947 e 1975 quantifica sicuramente per ampio difetto l'espansione areale iniziata nel 1963. Prima di quell'anno, infatti, perdurò la fase di contrazione precedentemente in atto con ulteriori notevoli perdite di superficie e, solo dopo il 1963, avvenne l'inversione di fase con l'espansione areale complessiva dei cinque ghiacciai, fra il 1963 e il 1975 dovrebbe essere quantificata in non meno di 40 ettari.
 
LA CONTRAZIONE MODERNA DAL 1988 AD OGGI | Sui ghiacciai del Monte Bianco la fase espansiva si chiuse fra il 1987 e il 1988. A cominciare dal 1985 – '86 le temperature medie annue si alzarono bruscamente creando una situazione molto sfavorevole al glacialismo: i limiti climatici delle nevi perenni si portarono a quote superiori ai 3000 m s.l.m. diminuendo l'estensione dei bacini collettori e quindi il volume delle nevi alimentatrici.
Gli apparati subirono nei primi anni solo una diminuzione di potenza, poi uno smagrimento con importanti perdite lineari ed areali. In poco più di 10 anni i ghiacciai si ridussero alla situazione del 1975; nel 2003, anno caldissimo, risultavano aver perduto completamente la massa acquisita dopo il 1963; negli ultimi anni le fronti, ridotte a sottili frange di ghiaccio, continuano a perdere terreno.
 
PER CHI VUOLE APPROFONDIRE, FONTE UFFICIALE E DATI: Fondazione Montagna Sicura
 
PROSSIMO ARTICOLO | In un prossimo articolo intervisteremo un esperto glaciologo che ci citerà i principali studi sui ghiacciai alpini e le cause legati ai periodi di espansione e arretramento. Andremo ancora più indietro del 1500, con la storia glaciologica alpina, riportando i casi dell' Optimum medievale, romano, miceneo fino al 7000/8000 a.c. con l'optimum postglaciale. 
 
 
 
Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Ultimo Bollettino

Bollettino Meteo | Temporali al Nord, caldo crescente al Centro-Sud

Situazione ribaltata: il Nord finalmente respira, al Sud invece inizio settimana con caldo crescente. Attenzione forti temporali sulle regioni settentrionali con rischio grandinate.

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.