Meteone

1. Monte Agung eruzione 28 novembre 2017Dal 25 novembre il vulcano indonesiano Agung ha ripreso la sua attività eruttiva. Colate laviche e nubi piroclastiche stanno tenendo col fiato sospeso tutta la popolazione indonesiana dell'isola di Bali e delle isole circostanti. Allerta forte eruzione molto alta e decine di migliaia gli sfollati.

Dove si trova?
 
Ci troviamo nello Stato dell'Indonesia, costituito da più di 17.000 isole, delle quali la maggior parte di origine vulcanica. A preoccupare è uno degli oltre 120 vulcani ancora attivi o quiescenti che popolano l'arcipelago indonesiano. Il vulcano Agung o detto Gunung Agung è situato nelle zone più turistiche del sud-est asiatico, tra il Mar di Giava e l'Oceano Indiano, più precisamente sull'isola di Bali.
2. Localizzazione geografica
Localizzazione geologica3. Cintura di fuoco

L'isola di Bali è situata sulla cosiddetta "Cintura di Fuoco" (approfondimento articolo, mettere link) lungo la quale sono attivi i più importanti e pericolosi vulcani della Terra. Siamo sul margine nord-orientale della placca australiana che subduce sotto la placca euroasiatica; una ferita importante è rappresentata dalla grande Fossa di Giava che raggiunge profondità di circa 8.000 metri sotto il livello dell'oceano. Una linea di convergenza che potremmo definire non certo innocua e dormiente, viste le numerose eruzioni vulcaniche e i tanti sismi risalenti a tempi molto antichi ma anche recenti. Come non dimenticare il disastroso terremoto di Sumatra (avvenuto poco più a nord di Bali) del dicembre 2014, col conseguente tsunami che provocò la morte di più di 250.000 persone.
 
Inizio dell'attività vulcanica e modalità

Già nel mese di settembre di quest'anno le prime scosse di terremoto, le prime emissioni di lapilli e cenere e un incremento della risalita del magma all'interno del condotto principale, avevano innalzato lo stato di allerta su tutta l'isola e sulle isole circostanti. Dopo un periodo di calma, dal 25 novembre il monte Agung ha ricominciato ad emettere lava, cenere e materiale piroclastico in grande quantità. Colonne eruttive che hanno raggiunto circa i 4 km di altezza ed esplosioni continue si susseguono. Le ceneri hanno cominciato a depositarsi su un raggio di circa 10 km attorno al vulcano provocando forti disagi al traffico aereo e al trasporto locale.
 
4. Strato-vulcanoPericoli derivanti dall'eruzione e tipologia di vulcano

- Lahar: dal 28 Novembre la preoccupazione è divenuta ancor più alta a causa delle piogge abbondanti che stanno colpendo la zona: le ceneri e il materiale da caduta, misti alle acque di ruscellamento superficiale, si stanno trasformando in vere e proprie colate di fango, denominati Lahars. A causa dello scarso grado di coesione di questi depositi, le acque reflue prendono più facilmente in carico il materiale decantato. Più i pendii del vulcano risultano acclivi, maggiore risulterà la forza di distruzione dei lahr che travolgeranno tutto ciò che incontrano.
 
- Strato-vulcani: solitamente i pendii dei vulcani indonesiani hanno pendenze molto elevate trattandosi di strato-vulcani, ovvero vulcani che eruttano in alternanza depositi piroclastici, ceneri e lava. Quando eruttano lava, essendo questa molto densa, tende a percorrere brevi distanze e lì dove si ferma solidifica aumentando in altezza, colata dopo colata, il volume della montagna.
 
- Vulcani di tipo esplosivo: un'altra particolarità è che i vulcani della Cintura di Fuoco sono di tipo stromboliano o esplosivo. Ovvero le loro eruzione comportano fuoriuscita di materiale solido sia di piccole dimensioni (cenere e lapilli) ma anche di grosse dimensioni (scorie, bombe e blocchi) oltre i 6-10 cm che vengono espulsi anche a diverse centinaia di metri di distanza dal cratere. A volte il materiale espulso è così denso e pesante che viene trasportato direttamente attraverso i pendii della montagna sottoforma di colate piroclastiche o nubi ardenti nelle quali si raggiungono valori di temperatura molto elevati.
 
Eruzioni precedenti

L'ultima grande eruzione del Monte Agung risale al 1963-1964. Si susseguirono per diversi mesi forti eruzioni con emissioni di flussi piroclastici alti anche 10 km, colate di lava lungo i fianchi e formazione i lahars causati, come oggi, dalle abbondanti piogge equatoriali. Morirono più di 1.500 persone.
 
 
Discussione Utenti
Re: Indonesia: Il vulcano Agung torna ad eruttare -- ginoginelli
Thursday, 30 November 2017 15:20
Pacific ( Indian Ocean )
Archipelago: Lesser Sunda Islands
Highest point: Mount Agung ( Volcano )
Indonesia ... Bali
Volcano Agung

faoNqWx.jpg
https://i.imgur.com/faoNqWx.jpg
zoom
Re: Indonesia: Il vulcano Agung torna ad eruttare -- ginoginelli
Thursday, 30 November 2017 14:48
ginoginelli wrote:
Pacific ( Indian Ocean )
Archipelago: Lesser Sunda Islands
Highest point: Mount Agung ( Volcano )
Indonesia ... Bali
Volcano Agung

AXzjwmq.jpg

XTS7gl6.jpg
https://i.imgur.com/XTS7gl6.jpg
zoom
Re: Indonesia: Il vulcano Agung torna ad eruttare -- ginoginelli
Thursday, 30 November 2017 14:25
Pacific ( Indian Ocean )
Archipelago: Lesser Sunda Islands
Highest point: Mount Agung ( Volcano )
Indonesia ... Bali
Volcano Agung

AXzjwmq.jpg
Re: Indonesia: Il vulcano Agung torna ad eruttare -- 88antonio
Thursday, 30 November 2017 13:28
Ultima eruzione del 1963... a livello teleconettivo eravamo in EA-, QBO-, flusso solare debole e sappiamo che inverno fu per l'Europa centro-meridionale ed Italia intera... spero sia tempestivo lo sfollamento e la macchina organizzativa sia efficiente per prevenire al massimo i danni..

Ultimo bollettino

Venerdì 28 Settembre 2018 - 13:56

Bollettino Meteo | Medicane "Zorbas" nello Ionio: colpirà duramente la Grecia

La depressione tropicale sul basso Ionio risalirà verso nord-est diventando "medicane" venerdì notte. Sabato colpirà duramente la Grecia. Nessun effetto... Leggi tutto

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.