Meteone
Immagine1Benvenuti nella nostra nuova rubrica di Astronomia "Alla Ricerca dei Misteri dell'Universo" che sarà curata da una new entry: Mirko Pizzaballa, astrofilo per passione e amante della fotografia. Ci delizierà con le sue fotografie sull'Universo e con articoli che ci sveleranno i "Grandi Misteri dell'Universo". Alla rubrica parteciperà anche la Dott.ssa Manuela Colella, che avete già apprezzato nei precedenti articoli. Buona lettura con la Sonda Spaziale "Rosetta".
 
12 Gennaio 2003: la missione "Rosetta", pronta a partire per intercettare nel 2011 la cometa 46P/Wirtanen, dovette arrestare tutto. Il razzo Arian 5, con cui doveva partire per il suo viaggio, fallì alcuni test. Per questo motivo, la missione ritardò il lancio e la cometa prescelta non era più raggiungibile.
 
Gli scienziati cercarono una nuova cometa che avesse gli stessi requisiti e che, fondamentale, nel suo viaggio verso il Sole, non superasse l'orbita di Marte. Ed eccola lì: la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.
 
2 Marzo 2004: la sonda Rosetta, con il Lander Philae, si trovano sulla sommità del razzo Arian 5, data diversa ma stesso obiettivo: raggiungere una cometa e atterrarci sopra raccogliendo dati importantissimi.
La sonda Rosetta, per il suo lungo viaggio, sfrutta le spinte gravitazionali (effetto fionda gravitazionale) dei vari pianeti che incontra sul suo cammino, ottenendo così un risparmio di combustibile.
 
La foto fa ben capire i vari incontri della sonda con la Terra, Marte, fino all'ultimo saluto con la Terra nel 2009.
Immagine2
Durante il suo viaggio, gli scienziati non hanno lasciato "impoltronire" la nostra Rosetta, ma hanno utilizzato le apparecchiature fotografiche a bordo per scattare, a scopo di studio, delle immagini degli "oggetti" che incontrava come gli asteroidi 2867 Šteins (2008) e 21 Lutetia (2010).
Foto qui sotto:
Immagine3Immagine4
Per risparmiare energia, molto importante per gli scopi futuri, la sonda fu fatta entrare in modalità ibernazione nel 2011.

Ci siamo, è il 20 gennaio 2014, gli scienziati iniziano a risvegliare la sonda da quel lungo sonno (31 mesi) e finalmente l'attesa è ripagata: Rosetta risponde con il famoso "Hello, World". 
Da quel momento, Rosetta inizia a inviare foto della cometa ancora molto distante: un puntino in mezzo a tante stelle. La sonda si avvicina sempre più alla cometa scoprendo che è formata da due parti come se fossero due nuclei uniti.
Foto della cometa nella fase di avvicinamento della sonda:
Immagine5Immagine7Immagine6
Il 12 novembre tutto è pronto: il luogo dell'atterraggio è stato scelto in una zona pianeggiante esposta alla luce solare. Nella trepidazione di tutti, finalmente dopo 10 anni, il Lander Philae si sgancia dalla sonda Rosetta, ancora 7 ore d'attesa! Quello è il tempo che impiegherà Philae nella sua discesa verso la cometa.
In questo momento, la sonda si trova a 500 milioni di chilometri dalla Terra e il segnale impiega ben 28 minuti a raggiungerci. Purtroppo, durante le fasi di verifica delle condizioni del Lander, si scopre che i razzi, per stabilizzare Philae al suolo, sono fuori uso, perciò per l'ancoraggio può contare solo sui suoi 3 arpioni.
In foto, il Lander Philae:
Immagine8Immagine9Immagine10
Philae raggiunge quindi la superficie della cometa ma solo con gli arpioni, senza la spinta dei razzi che lo avrebbero ancorato alla superficie (come predetto dall'ESA). Il Lander rimbalza per oltre 1 km.
Dopo due ore Philae, tanto è il tempo impiegato per ridiscendere dopo il rimbalzo, tocca nuovamente il suolo ma, rimbalza per la seconda volta...finalmente al terzo tentativo gli arpioni riescono a trattenerlo al suolo.
Ma dove si trova?
Probabilmente sull'orlo di un cratere, in una zona d'ombra dove riceve molta meno energia solare di quella prevista. Il piccolo Philae ci prova comunque, manda segnali alla sonda, cerca di posizionarsi alzandosi e ruotando di 35° per ricevere più luce solare, ma dopo poco le sue batterie si esauriscono e cade in un sonno profondo.
Le immagini del Lander sulla cometa:
 Immagine12Immagine13 Immagine14
Il 12 novembre 2014 si è fatta "la storia" delle esplorazioni spaziali, perché (anche se con delle difficoltà) per la prima volta si è raggiunta e "catturata" una cometa.
Oggi, allo studio degli scienziati, ci sono molti segreti da svelare.
In una finestra di circa una settimana, che si è chiusa il 20 marzo, l'ESA ha tentato di risvegliare il piccolo lander e di metterlo in contatto con la sonda Rosetta, ma questo primo tentativo è stato inutile, riproveranno a metà aprile, sperando che il continuo avvicinarsi della cometa 67/P al Sole, aumenti l'energia e che Philae possa uscire dal suo "letargo".

Non ci resta che attendere...

Mirko Pizzaballa Photo & CAB (Circolo Astrofili Bergamasco)
Copyright delle immagini NASA.it
 
Discussione Utenti
Re: Missione Cometa: Rosetta e le sue peripezie -- gianvi97
Thursday, 26 March 2015 18:40
Grande Mirko, una bellezza questo articolo!
Re: Missione Cometa: Rosetta e le sue peripezie -- king
Thursday, 26 March 2015 13:44
Articolo molto interessante, l'ho letto con piacere!

Ultimo Bollettino

Bollettino Meteo | Temporali al Nord, caldo crescente al Centro-Sud

Situazione ribaltata: il Nord finalmente respira, al Sud invece inizio settimana con caldo crescente. Attenzione forti temporali sulle regioni settentrionali con rischio grandinate.

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.