Meteone

Nel weekend arriverà un'intensa perturbazione che colpirà soprattutto il sud: da valutare ancora la traiettoria del minimo. Da lunedì può arrivare aria fredda dalla Scandinavia. 

analisi8nov2EVOLUZIONE Il vortice depressionario che da alcuni giorni giorni staziona sull'Italia tenderà a spostarsi verso est perdendo gradualmente potenza. Intanto dalla Gran Bretagna una nuova perturbazione nord-atlantica si tufferà nel Mediterraneo andando ad agganciare e rialimentare quella già esistente. Il "nuovo" vortice depressionario si approfondirà nei pressi della Sardegna e da qui, nel corso del fine settimana, punterà l'Italia passando dal Canale di Sicilia assumendo i connotati di una depressione afro-mediterranea.
 
Questa dinamica determinerebbe una nuova ondata di maltempo sull'Italia a partire da venerdì che questa volta vedrà protagonista soprattutto il sud con temporli anche intensi e in alcuni casi anche piogge abbondanti.
 
Ancora incerta l'esatta traiettoria del minimo depressionario che potrebbbe restare "troppo basso": se così fosse il maltempo colpirà durissimo tutta l'area ionica insulare e peninsulare con precipitazioni meno rilevant sul resto delle regioni meridionali. 
 
TREGUA Per ora assisteremo a una provvisoria tregua: l'allontanamento del vortice depressionario permetterà infatti un miglioramento delle condizioni meteorologiche sulle nostre regioni: tra oggi e domani avremo un tempo variabile con ampie schiarite e qualche addensamento soprattutto sul versante tirrenico con qualche piovasco. 
 
In questa fase le temperature non subiranno variazioni di rilievo restando vicine alla media stagionale: le massime si attesteranno fra 13 e 18 gradi mentre farà molto fresco di notte sulle zone interne, anche freddo sull'appennino con minime sotto i 5 gradi. 
 
PEGGIORAMENTO La nuova perturbazione arriverà al sud venerdì e porterà le prime piogge soprattutto sul settore tirrenico ma anche su Puglia e Basilicata. Tra la notte e la prima parte di sabato è atteso il clou dell'ondata di maltempo con temporali anche di forte intensità che dovrebbero colpire soprattutto il settore ionico. Domenica residua instabilità ma tendenza a un altro provvisorio miglioramento.analisi8nov1
 
ARRIVA IL FREDDO? La tendenza successiva sembra infatti nel segno della prima vera irruzione artica della stagione. All'inizio della prossima settimana una vasta saccatura si dirigerà verso l'Italia sfruttando un poderoso blocco della circolazione Atlantica ad opera dell'anticiclone delle Azzorre. Aria fredda di origine artica-marittima arriverebbe su Italia portando forti venti da nord, piogge e anche neve sull'appennino. Una tendenza da confermare nei prossimi aggiornamenti.
Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Ultimo bollettino

Mercoledì 22 Novembre 2017 - 08:49

Si rafforza l'alta pressione: tempo soleggiato ma notte fredda

L'alta pressione garantisce tempo stabile su Puglia e Basilicata mentre le temperature tornano nella media. Ancora un po' freddo di... Leggi tutto

Allerte

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.