Meteone

ScontroAnalizzando la scena meteorologica in atto, possiamo evidenziare 6 figure bariche. In alto a destra si può notare la propaggine termo-dinamica dell’alta pressione russo-siberiana, alquanto retrocessa verso Est rispetto a qualche giorno fa, vinta parzialmente dalle forti correnti perturbate atlantiche. Scendendo verso Sud, si può notare un debole centro di bassa pressione (con il suo fronte occluso – linea nera) presente sull’Europa sud-orientale, che sta inviando aria mite ed instabile nelle zone dove sta capeggiando l’anticiclone di cui parlavamo prima. In fondo a destra, invece, troviamo un debole e transitorio cuneo anticiclonico sul Mediterraneo orientale, scaturito dall’avvezione d’aria mite e stabile risucchiata dal Nord Africa da parte della goccia fredda presente all’incirca su Tripoli (4° figura barica).

- La figura di bassa pressione è quella che, ieri, ha attraversato l’Italia e che ha apportato un sostanziale calo termico perché di origine polare-marittimo (sostanziale non perché l’origine dell’aria fosse particolarmente fredda ma, perché, venivamo da un periodo particolarmente caldo). Tale vortice perturbato, attraversando l’Italia, si è staccato dalla circolazione principale legata oceanica, isolandosi, appunto, in “goccia fredda” o “cut off” e sta andando a “morire” sulla Libia, apportando, però, nevicate sin sotto ai 900 metri di quota.

analisi satellitare101214

- Finiamo descrivendo i due centri pressori più importanti e che, come spesso succede, influenzano il tempo sull’Europa centro-occidentale:

  • A sud ovest possiamo vedere un “pezzo” dell’Anticiclone delle Azzorre che, se venisse visto per la sua interezza (cioè ampliando lo sguardo su tutto l’Oceano), lo vedremmo veramente enorme.
  • Stesso discorso lo possiamo fare per il profondo vortice di bassa pressione (955 mb!) presente a Nord del Regno Unito (ma la cui influenza si espande su tutta l’Europa del Nord e parte di quella centrale) ed inviato dal Vortice Polare, che sta apportando un’irruzione d’aria fredda (non gelida) di orgine polare-marittima sul Regno Unito, Irlanda, Francia e Germania.
  • Figli della depressione, sono i fronti occlusi (linee nere) presenti sulla Russia occidentale ed un altro, lunghissimo, che parte dal nord del Regno Unito, si inarca sulla penisola scandinava, scende verso sud sulla Polonia e si divide in ulteriori due fronti: uno caldo in transito sull’Italia del Nord ed un altro che si tuffa in Oceano.

- Le due figure si fronteggeranno per diverso tempo: a volte l’anticiclone delle Azzorre “avrà la forza” di ergersi un po’ più verso NE favorendo alle depressioni di scendere maggiormente verso la penisola iberica (attorno al 14-16), a volte verso la nostra penisola (ad esempio attorno al 17-18 dicembre), a volte, invece, il Vortice Polare, farà in modo di inviare depressioni così potenti sul Nord Europa che provocheranno un tempo atmosferico di tipo zonale e, cioè, con pochi scambi di calore meridiani ma con l’anticiclone delle Azzorre disteso sui paralleli e, quindi, anche su di noi; transiti veloci e freschi (non freddi) di perturbazioni, invece, interesseranno l’Europa centrale (con possibili rapidi passaggi nuvolosi anche su Alpi ed Adriatico) e forti perturbazioni colpiranno il Nord Europa, sempre in un contesto non freddo, perché il tutto verrà comandato da aria di origine oceanica e, quindi, ovviamente, non fredda.

- Questa situazione barica, comunque, è piuttosto frequente tra la metà di Dicembre e la fine del mese, in quanto, per motivi che non concernano tale sezione del sito, il Vortice Polare si rinforza, aumentando, quindi, la frequenza e la forza di tali depressioni nord-europee.

Discussione Utenti
Re: Scontro fra Titani -- Geloneve
Thursday, 11 December 2014 15:40
DanieleChierico wrote:
Confermo Fabio bella analisi...spero che questo scontro primo o poi si risolva a nostro favore!

Grazie...!
Speriamo! :)
Re: Scontro fra Titani -- DanieleChierico
Thursday, 11 December 2014 13:58
Confermo Fabio bella analisi...spero che questo scontro primo o poi si risolva a nostro favore!
Re: Scontro fra Titani -- Geloneve
Thursday, 11 December 2014 13:55
Grazie :)
Re: Scontro fra Titani -- king
Thursday, 11 December 2014 13:27
Gran bella analisi...come al solito ;).

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.