Meteone

Aumentano sempre di più le possibilità per il ritorno dell'Inverno in grande stile tra l'ultima decade di Marzo e la prima di Aprile. Impossibile capire ad oggi le zone coinvolte.

LA SITUAZIONE ATTUALE
La sfuriata atlantica di questi primi 15 giorni di Marzo è dovuta al ricompattamento del Vortice Polare (VP), causato a sua volta da un intenso StratCooling (SC) e ad una MJO in fase 2-3. 
 
PrimaDecaMarz2019
ATLANTICO E ALTA PRESSIONE
La fase della MJO in 2-3 per i prossimi giorni garantirà un flusso atlantico mite e umido sull'Europa centro-settentrionale, con alcune perturbazioni che riusciranno a interessare marginalmente anche le regioni settentrionali dell'Italia. L'Italia centro-meridionale risulterà invece sotto la protezione di un campo anticiclonico, con temperature decisamente primaverili. 
PRIMI SEGNALI DI CAMBIAMENTO A META' MARZO
Primi segnali di cambiamento si avranno intorno a metà Marzo, dove una maggiore ondulazione del Jet-Stream (venti ad alta quota), permetteranno all'Azzorre di elevarsi in atlantico con possibili ondata artiche sull'Europa centro-occidentale. Piogge e temperature più fredde potranno interessare il Tirreno e il Nord dell'Italia.
 
MetMarz2019 
UN VORTICE POLARE ANCORA ATTIVO
L'intenso stratcooling (tardivo) se da un lato ha permesso "la piallata" del VP sull'Europa, con l'alta pressione schiacciata sul Mediterraneo e correnti occidentali, dall'altra ha allungato la vita dello stesso VP, che in questo periodo dell'anno, a causa del FW (FinalWarming), va verso il suo normale decadimento. 

GelNordEmisfMarz2019

E' evidente dalle carte dei Global Models (GM) che il VP non ha nessuna intenzione di mollare la presa nel Nord emisfero. Il gelo nell'America del Nord, in Scandinavia e Russia lo dimostrano...
Come si traduce questo per l'Europa centrale e il Mediterraneo? 
Appena la MJO rientrerà dalle fasi 2-3 (che si traduce in perturbazioni atlantiche per il vecchio continente e in irruzioni artiche occidentali), o entrando in bassa magnitudo o passando in fase 1-8, ecco che per l'Europa centrale e il Mediterraneo si potrebbe preparare il gran colpo di coda dell'Inverno. 
 
MJOMarz2019
ULTIMA DECADE DI MARZO E PRIMA DI APRILE: FREDDA E LOCALMENTE NEVOSA?
Lo schiaffo invernale, stando a un VP ancora molto attivo, potrebbe essere anche abbastanza intenso. Essendo una tendenza previsionale, è ovviamente IMPOSSIBILE capire esattamente dove colpirà. Ci aspetta probabilmente un fine Marzo e inizio Aprile sotto la media del periodo sull'Europa centrale e il Mediterraneo e localmente potrebbe risultare nevosa a bassa quota. 

UltDecaMarz2019
 
Seguiteci per rimanere aggiornati sull'evoluzione di questa prima fase della Primavera.
 
 
 © Riproduzione riservata
Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Ultimo Bollettino

Bollettino Meteo | Temporali al Nord, caldo crescente al Centro-Sud

Situazione ribaltata: il Nord finalmente respira, al Sud invece inizio settimana con caldo crescente. Attenzione forti temporali sulle regioni settentrionali con rischio grandinate.

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.