Meteone
E' passato un anno dal mio ultimo Editoriale Stagionale, e sono contento di ritornare a scrivere su queste pagine, nella "nuova casa" di MeteOne.it. Prima di iniziare la mia consueta analisi, vorrei ricordare ai "veterani" e ai "nuovissimi" che ci seguono, che le nostre tendenze previsionali si basano su indici di teleconnessione, carte stratosferiche e altri studi scientifici in continua evoluzione; le nostre tendenze non hanno nessun fine predittivo, ma sono ipotesi (giuste o sbagliate...solo la natura potrà dircelo) che cercano di tracciare le strade con più probabilità di riuscita.

Analisi Indici Teleconnettivi e SSTA (Sea Surface Temperature Anomaly)

Andando a spulciare negli archivi degli anni passati, ho notato una certa somiglianza tra i dati di questa stagione 2014/2015 e quella dell'Inverno 2002/2003. Andiamo a vedere subito i dati:
 
Stagione 2002/2003
 
Nino: Moderato (Cos'è il Nino: Articolo Didattico)
Anomalie SSTA: la PDO risultava negativa e nel Nord Atlantico avevamo un anomalia negativa
QBO: positiva
Stratosfera: dopo un iniziale cooling (fisiologico) di Dicembre, risultò molto disturbata
 
Inverno2014SSTA
 
Stagione 2014-2015
 
Nino: Debole
Anomalie SSTA: la PDO risulta negativa e nel Nord Atlantico abbiamo un anomalia negativa
QBO: negativa
Stratosfera: quest'anno inizia subito con un cooling stratosferico e lo sfondamento del tetto NAM (+1)...dopodichè da Gennaio sembra attivarsi (ai piani alti...10hpa) un poderoso riscaldamento in sede siberiana. Potrebbe quindi risultare disturbata per tutto il resto dell'Inverno.
 
Inverno2014SSTA2
 
Andiamo a vedere come andò l'Inverno 2002/2003 a livello troposferico

Il 2002/2003 fu una stagione contraddistinta da ripetute ondate fredde di matrice continentale a partire dal mese di Gennaio. Sarebbe stata una stagione eccezionalmente fredda, se non fosse stata per l'intromissione della QBO positiva, che non permise scambi meridiani perfetti (e con perfetti intendiamo discesa di grosse masse d'aria fredda a basse latitudini). Nonostante tutto si ebbero 2 grosse irruzioni sull'Italia: una a Gennaio e una a Febbraio con la neve che ricoprì più volte le pianure da Nord a Sud.
 
Gennaio2003

Tendenza Stagione Invernale 2014/2015

Abbiamo analizzato la stagione 2002/2003 perché su molti versi aveva delle coincidenze di indici teleconnettivi, e potrebbe aiutarci nell'analisi di questa stagione. ATTENZIONE non pretendo che questa stagione sia simile a quella passata, lo reputo impossibile, ma potrebbe avere delle peculiarità simili.

Quando si instaura un regime con PDO e Atlantico negativo le Onde di Rossby assumono un marcato andamento ondulatorio. Il Jet-Stream affonda più volte sia in Pacifico che in Altantico, generando forti risposte dei relativi Anticicloni (Aleutinico e Azzorriano). Con una disposizione di questo genere sono gli Stati Uniti ad avere le prime ondate Gelide della Stagione (difatti è quello che è accaduto a Novembre).
Dopodichè il flusso si normalizza (fisiologicamente accade tutti gli anni a Dicembre) e il Vortice si ricompatta, ma è solamente "il respiro profondo prima del balzo". Infatti se dovesse andare in porto anche il riscaldamento stratosferico, avremmo un Vortice Polare molto compatto, attaccato sia dalla Troposfera che dalla Stratosfera. Un intervento a tenaglia che risulterebbe deleterio per la salute del VP. Il risultato sarebbe la completa distruzione di quest'ultimo, con lobi dello stesso che andrebbero a interessare le latitudini medio-basse.
 
rossby2

Conclusioni

Primi accenni di vero Inverno potremmo già averli la prossima settimana (intorno al 21 Dicembre), quando una delle tante ondulazione del Jet-Stream interesserà il Mediterraneo Centrale. Sono ondulazioni veloci e poco intense a causa della compattezza del Vortice Polare.
Appena il cooling si sarà placato, la QBO per attrito andrà a rallentare la velocità del getto polare; se entrerà in gioco anche il riscaldamento stratosferico, per gli inizi di Gennaio la situazione barica in sede polare sarà l'opposta di Dicembre. Non possiamo sapere a questa distanza la dinamica che andrebbe a interessare il Continente Europeo, ma probabilmente saremmo alle prese con un irruzione fredda di vaste proporzioni in grado di inglobare vasti territori del vecchio Continente.
In parole povere: Il vero Inverno secondo noi di MeteOne inizierà a Gennaio! Continuateci a seguire sia sul Portale che sul Forum, per scoprire nuovi dettagli sulla nostra tendenza Stagionale.
 
Discussione Utenti
Re: Inverno 2014: arriverà a Gennaio? Articolo di Analisi by Daniele Chierico -- DanieleChierico
Sunday, 14 December 2014 23:48
Old Land wrote:
Se fosse per questo allora a che serve questa scienza cosi' complicata che è la meteorologia???
Basterebbe alzarsi la mattina, aprire la finestra e fare le proprie valutazioni.
Che l'Italia sia un piccolo moscerino non c'entra proprio niente.

Serve a fare previsioni entro il limite massimo di 3 giorni (e neanche)...QUESTA E' LA METEOROLOGIA. Ma purtroppo altri l'hanno intesa come mezzo per far soldi.
Re: Inverno 2014: arriverà a Gennaio? Articolo di Analisi by Daniele Chierico -- Iralio
Sunday, 14 December 2014 18:52
SIntetico e perfetto come sempre, complimenti Daniele!!!!
Tendiamo fiduciosi questo cambio, anzi, scambio tra meridiani ;)
Re: Inverno 2014: arriverà a Gennaio? Articolo di Analisi by Daniele Chierico -- damy87
Sunday, 14 December 2014 17:09
Io concordo col fatto che Italia e un moscierino
Re: Inverno 2014: arriverà a Gennaio? Articolo di Analisi by Daniele Chierico -- OldLand
Sunday, 14 December 2014 15:35
DanieleChierico wrote:
Davide l'Italia è un minuscolo moscerino in mezzo all'emisfero...se ci va bene ci prende altrimenti non possiamo fasciarci la testa ogni anno. Se poi state a sentire i proclami di gelo apocalittico di qua e di la e beh vi fate del male da soli.
Se fosse per questo allora a che serve questa scienza cosi' complicata che è la meteorologia???
Basterebbe alzarsi la mattina, aprire la finestra e fare le proprie valutazioni.
Che l'Italia sia un piccolo moscerino non c'entra proprio niente.
Re: Inverno 2014: arriverà a Gennaio? Articolo di Analisi by Daniele Chierico -- DanieleChierico
Sunday, 14 December 2014 14:19
Davide86 wrote:
Daniele Complimenti per l'articolo ....il problema però è che ogni anno si sente parlare di potenzialità importanti per l'inverno e poi ci troviamo quasi sempre , tranne eccezioni, con un pugno di mosche in mano....

Davide l'Italia è un minuscolo moscerino in mezzo all'emisfero...se ci va bene ci prende altrimenti non possiamo fasciarci la testa ogni anno. Se poi state a sentire i proclami di gelo apocalittico di qua e di la e beh vi fate del male da soli.

Ultimo Bollettino

Bollettino Meteo | Temporali al Nord, caldo crescente al Centro-Sud

Situazione ribaltata: il Nord finalmente respira, al Sud invece inizio settimana con caldo crescente. Attenzione forti temporali sulle regioni settentrionali con rischio grandinate.

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.