Meteone

pasqua piccolaL'azione di blocco dell'Alta Pressione azzorriana, la quale s'innalzerà verso le latitudini più settentrionali fino a raggiungere il territorio dell'Islanda, favorirà la discesa di correnti fredde di stampo invernale verso l'Europa centro-meridionale, Italia compresa. Questo vero e proprio colpo di coda invernale coinciderà appunto con il periodo pasquale: si tratta di sorte avversa o vi è un motivo preciso per cui l'arrivo tardivo del freddo coincida con la Pasqua? Apparentemente può sembrare che si tratti di sfortuna, ma in realtà si può fornire una motivazione a tutto ciò: l'inizio della Primavera spesso coincide con l'avvenimento meteorologico che è detto "Final Warming" (FW), letteralmente riscaldamento finale, a causa del quale si ha il definitivo dislocamento del Vortice Polare, che si scinde in vari lobi. Il FW spesso favorisce eventi invernali a basse latitudini anche durante il periodo primaverile: ed è proprio quello che accadrà per la Pasqua 2015.

Perciò che tempo dobbiamo aspettarci nei prossimi giorni?

Dopo il periodo stabile e soleggiato degli ultimi 6-7 giorni, è pronto a tornare il maltempo: e con esso giungerà anche clima freddo, di stampo invernale, il quale spazzerà via il ricordo di questi primi giorni pienamente primaverili che abbiamo trascorso.

Vediamo ora nel dettaglio che condizioni meteo si avranno sull'Italia settentrionale durante le prossime 96-120 h.

Prima fase: l’Alta Pressione resiste e interessa ancora gran parte d’Italia, anche se sull’arco alpino e nell’estremo Nord-Est masse d’aria più fredda scorreranno sui territori di confine, causando qualche prima precipitazione sparsa soprattutto sulle Alpi orientali, nevosa fino a quote medie.

Giovedì 2 Aprile - Nord: giornata stabile e soleggiata su gran parte del settentrione, con condizioni meteo in peggioramento dalla sera sulle Alpi. Cieli sereni per tutta la giornata su Liguria, Pianura Padana e coste dell'alto Adriatico, salvo qualche velatura di passaggio. Più nubi sull'arco alpino, specie sui settori centro-orientali, con prime piogge deboli-moderate nel pomeriggio e in serata. Quota neve intorno ai 1400 metri su Alpi occidentali, in rapido calo sulle Alpi centro-orientali per l'ingresso, in serata, di aria fredda (fiocchi fino a 600-700 metri nei fondovalle). Centro e Sud: giornata stabile con nuvolosità sparsa sulla Basilicata e sulla Calabria, nubi pomeridiane sulle zone interne di Abruzzo e Marche. In generale giornata dai connotati tipici della Primavera.

Venerdì 3 Aprile - Nord: giornata più nuvolosa rispetto a Giovedì, con peggioramento in termini di piogge solo dalla sera. Cieli poco nuvolosi sulle zone pianeggianti e costiere, con nuvolosità in deciso aumento dalla sera. Tempo più nuvoloso e grigio invece sulle Alpi: qui l'avvicinamento di una nuova perturbazione causerà le prime piogge deboli o moderate in serata, le quali coinvolgeranno esclusivamente la Valle d'Aosta, l'Alto Piemonte, l'Alto Adige e le Alpi lombarde. Quota neve intorno a 1400 metri, con fiocchi possibili fino a 1200 metri. Centro e Sud: tempo stabile con fenomeni pressoché assenti, si avrà invece un repentino aumento del vento dai quadranti settentrionali, dovuto all'ingresso di aria più fredda. Già dal mattino, soprattutto sulle regioni adriatiche, la Tramontana sarà di moderata intensità, qualche annuvolamento sarà possibile a ridosso della dorsale appenninica. Le temperature caleranno rispetto alla giornata di Giovedì di 4°/5°.

Seconda fase: una bassa pressione atlantica si divide dalla depressione canadese e, scivolando sul lato discendente dell’Alta Pressione, raggiunge l’Italia, ove forma un minimo depressionario sul Mar Ligure. Minimo di depressione che richiamerà nel week-end, a sua volta, aria fredda di estrazione continentale, compromettendo, in termini meteorologici, la Pasqua degli italiani.

pasqua

Sabato 4 Aprile - Nord: in attesa della Domenica di Pasqua, il tempo peggiora. Gli abitanti dell'Italia settentrionale trascorreranno una Vigilia pasquale all'insegna delle piogge, concentrate soprattutto al Nord-Est. I cieli saranno nuvolosi ovunque per tutto il corso della giornata, salvo timide schiarite sulla Pianura Padana. Precipitazioni assenti, o quasi, su pianura piemontese e pianura lombarda, salvo piovaschi su Bassa Lombardia e Basso Piemonte. Tempo instabile altrove con precipitazioni moderate, o localmente abbondanti, concentrate specie nel pomeriggio e in serata. Friuli, Venezie e Romagna dovrebbero essere le zone più colpite dalle piogge, dato da confermare. Quota neve stabile su 1200-1300 metri, temperature in lieve calo rispetto ai giorni precedenti. Centro e Sud: aumento della copertura nuvolosa su tutte le regioni, il minimo depressionario richiamerà aria più umida e saranno possibili piogge tra Toscana, Umbria e Marche. Altrove la copertura nuvolosa non porterà fenomeni di rilievo, si avrà un aumento della ventilazione meridionale con il conseguente rialzo delle temperature.

Domenica 5 Aprile, Pasqua - Nord: la Pasqua 2015 inizierà con il maltempo, ma potrebbe terminare con tempo stabile. Lo scivolamento del minimo depressionario verso il Mar Tirreno favorirà il lento miglioramento del tempo, specie dalle ore pomeridiane. Se nella notte e in mattina pioverà in maniera abbastanza diffusa su Emilia-Romagna, Friuli e Veneto, con tempo asciutto e qualche prima schiarita altrove, nel pomeriggio e in serata il miglioramento sarà generale, con nubi in dissoluzione prima al Nord-Ovest e poi al Nord-Est. Ultimi e isolati piovaschi su Romagna e Piemonte sud-occidentale. La neve cadrà a quote medio basse, per via dell'ingresso di aria fredda continentale, con isoterme (temperature a circa 1500 m) fino a -4°. Fiocchi fino a 300-400 metri sulle Alpi, specie orientali, nevicate dagli 800-900 metri sull'Appennino emiliano-romagnolo. Centro e Sud: peggioramento deciso già dalle prime ore della giornata, con piogge diffuse su tutte le regioni centrali; le piogge interesseranno anche le regioni meridionali ad eccezione della Sicilia, dove comunque non mancherà un'estesa copertura nuvolosa. Il maltempo continuerà fino al termine della giornata, quando i venti meridionali lasceranno il posto a correnti più fredde settentrionali. Temperature in calo di 3°/4°, più accentuato sulle regioni adriatiche centrali.

Lunedì 6 Aprile - Nord: torna a splendere il sole, anche se non mancheranno le nubi e qualche pioggia, sull'Italia settentrionale. Temperature al di sotto delle medie con valori tardo-invernali, per la presenza di aria fredda negli alti strati. La giornata sarà stabile, con cieli sereni o poco nuvolosi, su Emilia-Romagna, Liguria e Pianura Padana (compresa quella padano-veneta). Tempo, invece, variabile con possibili brevi rovesci pomeridiani su Alpi piemontesi, Valle d'Aosta, Alta Lombardia, Trentino e Prealpi venete. Si dovrebbe trattare di acquazzoni, seguiti da ampie schiarite. Quota neve intorno ai 700 metri su tutto l'arco alpino, con locali fiocchi fino a 500-600 metri fra Trentino Alto Adige e Alto Veneto. Centro e Sud: migliora in modo deciso, al mattino ritroveremo solo qualche nube sulla Puglia e sulla Basilicata. Quello che caratterizzerà la giornata su queste zone sarà il vento da Nord, di forte intensità sul versante adriatico. Il nucleo di aria fredda porterà le temperature sotto le medie del periodo di 4°/5°.

Discussione Utenti
Re: Se a Natale il tempo è bello,a Pasqua.. -- gianvi97
Thursday, 02 April 2015 11:33
Analisi ben curata
Re: Se a Natale il tempo è bello,a Pasqua.. -- king
Thursday, 02 April 2015 08:45
Ottimo articolo!!
Vorrei fare una domanda: visto l'entrata dell'aria fredda e il caldo che c'è stato in questi giorni potrebbe esserci la possibilità di vedere dei temporali?

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.